Bere un cocktail mentre si mangia?

Si chiama “Food Paring”.
10 Ottobre 2019

Il Food Pairing è l’arte nata nei Paesi anglosassoni di abbinare il cibo a Spirit come gin, vodka e whisky. Il concetto si basa sull’associazione degli alimenti a seconda della loro composizione molecolare e aromatica. Sono i benvenuti quindi i cocktail a tutto pasto capaci di esaltare la contrapposizione dei sapori o la loro somiglianza. L’obiettivo non è solo quello di trovare aromi che stiano bene insieme, ma anche quello di creare un mix in cui cibo e cocktail riescano a esaltarsi a vicenda, generando sfumature inaspettate.

Quali cibi si abbinano perfettamente al Moscow Mule?

Se pensate di non avere ancora trovato abbinamenti che si sposino perfettamente con un cocktail, forse non avete preso in considerazione il Moscow Mule. Il sapore della vodka, il lato pungente dello zenzero e il potere dissetante del lime, lo rendono uno dei cocktail più interessanti da abbinare: dalla paella al classico tagliere di salumi, ci si può davvero sbizzarrire con le combinazioni. Persino il pesce ci va d’amore e d’accordo: spaghetti con zucchine e gamberetti oppure salmone grigliato alla piastra sono un contrasto di fragranze in grado di lasciare il segno. Un altro abbinamento inaspettato è anche quello con le patate; che siano bollite, arrostite, fritte o al forno, esplodono di sapore quando accostate a un Moscow Mule. Agli amanti della cucina internazionale consigliamo di provarlo con un Pad Thai; zenzero e lime sono i protagonisti sia della cucina tailandese che del cocktail e l’attrazione tra i due è irresistibile; inoltre, le note rinfrescanti del Moscow Mule saranno capaci di smorzare la tipica piccantezza del piatto.

Se lo scopo invece è stupire gli ospiti con un Moscow Mule fuori dall’ordinario, provate con il K-Fruit Mule alla fragola: accostato a un piatto di penne all’arrabbiata esalterà delle note fresche, morbide e inaspettate. Buon appetito, e cin cin!

NEWS CORRELATE